Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FITRI YOUNG

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sono presenti circa 17 tecnici e una decina di società con settore giovanile.

Presenti il Presidente del Comitato Mauro Garavaglia, la segretaria Stefania Garampelli, l’RGT Lorenza Bernardi e il responsabile Nord Ovest Fabrizio Pitonzo.

Partecipa all’incontro anche il Presidente della commissione gare Andrea Libanore che ci ha confermato come la Fitri sta lavorando per confermare al più presto alcune gare a luglio e a settembre, attuando il protocollo gare in vigore in questo momento.

Scopo dell’incontro è condividere insieme fra Comitato, tecnici, società ed organizzatori le strategie migliori per l’inserimento di attività giovanili, portando i ragazzi a riassaporare l’atmosfera e l’impegno delle gare, Gli organizzatori di eventi presenti a calendario, dovranno dare conferma, mentre verranno agevolati gli organizzatori che vorranno proporre gare giovanili. Siamo consapevoli che non è facile mettere in pratica il protocollo attualmente in vigore. Attendiamo per il 26 giugno, quanto disporrà la Regione Lombardia in relazione al DPCM nazionale.

Questa situazione, creatasi dall’emergenza Codiv, ha reso la preparazione sportiva degli atleti, dai giovanissimi ai giovani, molto differente. La ripresa non è stata uguale in tutte le province e in tutte le società. La gestione nelle società delle diverse attività è risultata specifica ed individuale.

Si vorrebbe ricreare a luglio, delle attività condivise per riportare i ragazzi poco per volta all’ agonismo e alle dinamiche di gruppo.

La riunione ha raccolto i racconti dei diversi tecnici e la loro situazione. Molto differenti naturalmente, sono la preparazione dei loro ragazzi anche per i limiti imposti dalle disposizioni federali e nazionali, ma la voglia di rimettersi in gioco è comune.

L’ideale sarà creare un tipo di Psn di nuoto, corsa e bici appoggiandosi a strutture di società o trovando un luogo ideale . Deve essere un momento aggregativo che ognuno affronta in modo più o meno agonistico a seconda della propria preparazione.

Si propone di fare anche qualifiche all’interno delle società purché queste vengono certificate, oltre ad una prova finale regionale tutti insieme.

Si vaglieranno delle sedi per gli incontri, il Boscaccio a Gaggiano, il centro del Friesian e il velodromo a Busto Garolfo. Oltre alla sede di allenamento di 707. Si cercherà di organizzare degli aquathlon o dei duathlon. È intenzione del Comitato organizzare un calendario di incontri.

Verrà stilato un questionario da mandare alle società per approfondire la reale disponibilità di presenze e di livello tecnico.

L’incontro si è concluso alle 23.