Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

 

 

 

fitri nuovo lomb

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’ incontro si apre con il benvenuto del Presidente di Comitato Mauro Garavaglia che ha espresso entusiasmo  per l’ occasione eccezionale: poter affrontare insieme questo momento di ripartenza,  grazie alla presenza del Presidente federale Luigi Bianchi, al Presidente Ufficio Gare Andrea Libanore e l’ RGT Lorenza Bernardi. Presente circa il 40% dei Presidente di società, i tecnici e gli organizzatori di gare. Occasione importante per la Lombardia, di confronto, di bilanci e di prospettive. Molte le domande, qualche dubbio, ma sostanziale clima di fiducia.

Il Presidente Luigi Bianchi: la Fitri è stata la prima Federazione che ha tentato di rimettersi in gioco. Ha dovuto immediatamente intervenire a tutela della salute di tutti, bloccando ogni attività federale durante la fase di emergenza. Adesso che il lockdown è finito, ma con il virus  ancora presente, si stanno progressivamente riprendendo le attività, seguendo tutti i decreti ministeriali sui quali sono stati redatti i protocolli, che di volta in volta vengono aggiornati. Le gare sospese sono ora da ricollocare. Il 10 luglio sapremo quali organizzatori potranno confermare. La Federazione ha fatto ogni sforzo per cercare di tenere unito il settore giovanile creando eventi, challenge ed occasioni di scambio. Ha sovvenzionato il settore giovanili, dando contributi secondo criteri specifici. Aiuti anche agli organizzatori bloccando le tasse gare, Corsi di aggiornamento e formazione gratuiti  per i tecnici. Molte proposte sono ancora in via di definizione come la restituzione della quota di affiliazione del 2019 ad ogni società. Numerosi interventi di sostegno alle società anche da parte di Sport e Salute. Il 2019 è stato un anno di grande crescita della Federazione grazie anche alla sua buona amministrazione. Il 2021 sarà un anno difficile e il supporto della Federazione sarà completo. A settembre si riproporrà la Coppa del Mondo in Sardegna (4° edizione) che darà risalto all’Italia e potrà richiamare atleti di altissimo livello. La Fitri ha firmato un’assicurazione per la tutela legale da Covid19 e per qualsiasi disputa a tutela dei presidenti di Società. Nel caso di necessità si consiglia di dare comunicazione tempestivamente a Emilia Borrello per attivare l’assicurazione. Il massimale è di 100 mila euro.

Si è lasciato ampio spazio alle domande dei presenti, dopo ogni intervento.

Andrea Libanore sta lavorando intensamente con l’Ufficio gare e Commissioni speciali per ricollocare le gare. Il calendario è stato ripulito e a giorni sarà definitivo. Sono state inviate mail a tutti gli organizzatori per annullare, confermare o ricollocare le gare cercando di non ingolfare la seconda metà della stagione e seguendo i parametri dei protocolli attuali. Una Commissione, valuterà se le condizioni della gara sono adeguate e nel caso si chiederanno approfondimenti e si faranno sopraluoghi. Il tutto viene sempre fatto a tutela della salute dell’atleta. Si sottolinea che sarà primariamente competenza delle autorità, Prefetto o comune, accettare o meno la gara. Il problema della gestione del pubblico occasionale è di competenza delle amministrazioni. Arona, Lodi e Padova sono in via di definizione per fine luglio. Tavoli di lavoro e Commissione emergenza Covid-19, sono impegnati per dare direttive e sostegno alle società e agli organizzatori gare. Necessaria è la massima collaborazione da parte degli organizzatori e completa responsabilità dell’atleta nel rispettare le norme: mascherina prima e dopo l’inizio della gara, distanziamento,  rispetto degli orari e pazienza nell’accettare che alcune situazioni sono diverse da prima. Si può ripartire con la collaborazione di tutti. Il buon senso è alla base di ogni corretto comportamento e la responsabilità è personale. Si esortano gli atleti a presentarsi alla segreteria delle gare già con l’autodichiarazione compilata e firmata in modo da snellire il lavoro della segreteria ed essere puntuali alla direttive dell’organizzatore. Valuteremo adeguamenti ai prossimi DPCM. Entro la fine del mese verranno ricollocati i titoli italiani e poi inserite le altre gare proposte.

Lorenza Bernardi, RGT Lombrdia, sottolinea l’impegno di ogni regione per sostenere i ragazzi cercando di mantenerli uniti ed attivi, creando allenamenti di gruppo per avvicinarsi nuovamente al clima agonistico. Nella programmazione all’ attività agonistica si suddividono i giovani dai giovanissimi per via di un diverso coinvolgimento avuto durante il lockdown, ma un’ulteriore divisione verrà fatta fra atleti che non hanno mai sospeso gli allenamenti e quelli che al contrario riprendono ora. Il Comitato ha proposto un calendario di momenti di incontro del settore giovanile che prevede il 15 luglio un raduno open giovani di allenamento collettivo per il nuoto e la corsa al Boscaccio (MI).  Dal 18 al 24 luglio un Camp a Canazei al quale una trentina di giovanissimi hanno aderito e il 25 luglio le PSN a Grumello di Telgate con l’aiuto di Antonio Serratore (società 707) come occasione di preparazione all’attività interregionale del 23 agosto. Si sottolinea comunque la massima libertà di ogni società nel creare  collegiali o Psn interne, nel rispetto delle tre regole: nuoto in vasca da 25m, corsa in campo di atletica e il tutto documentato. Si consiglia di creare opportunità per far incontrare i ragazzi in allenamenti collettivi anche con altre squadre per consolidare le relazioni interpersonali e far riassaporare le tensioni tipiche del nostro sport. Nel 2019 le gare giovanili sono state 166 e ad ora non sono ancora riprese. Il trauma per i giovani sono tanti. Hanno bisogno e voglia di ritrovarsi e gareggiare.

Nei saluti di commiato Il Presidente Bianchi esorta ad occuparsi dei giovani, alcuni si perderanno, ma bisogna continuare ad insistere come fa la Federazione che investe il 70% delle sue risorse nell’attività giovanile.

La riunione si conclude con il saluto collettivo alle ore 23.00